Agopuntura nell’età dell’infanzia: una soluzione possibile?

Nonostante abbia preso piede ormai da 30 anni in tutto l’Occidente, in Italia l’agopuntura continua ad essere guardata con sospetto dai genitori cui viene proposta per i propri figli. Per questa ragione attualmente solo l’1% delle nostre famiglie si affida a questo antico sapere, mentre il resto della popolazione preferisce approcci curativi più diffusi eppure potenzialmente più aggressivi, tra cui i ben noti cicli di antibiotici. La verità è che l’agopuntura può essere una terapia dagli effetti sorprendenti in qualsiasi momento della nostra crescita, come dimostra il suo ampio utilizzo in altri paesi come gli Stati Uniti: neonati in terapia neonatale, bambini in età prescolare o scolare, nessuna fascia è a rischio, purché questa tecnica medica venga sempre praticata ad alti livelli di professionalità e con estrema sensibilità verso il paziente. Anzi, nella maggior parte dei casi l’agopuntura rappresenta l’opzione più consigliabile per i problemi medici che comunemente affliggono bambini ed è importante essere a conoscenza delle sostanziali differenze rispetto al trattamento riservato a una persona adulta, per evitare qualsiasi dubbio e paura in merito.

Le caratteristiche della terapia sui bambini

Il bambino ha d’altra parte una fisiologia particolare, è cioè un organismo in accrescimento e secondo la medicina tradizionale cinese è governato da leggi differenti da quelle che regolano il funzionamento dell’adulto. Per questa ragione il trattamento agopunturistico nell’età pediatrica si avvale della stimolazione di punti di agopuntura differenti; in particolare, i suoi organi deboli, secondo i medici orientali, sono i polmoni e la milza; i primi devono imparare a ricevere l’aria, la seconda deve apprendere come metabolizzare il cibo. È principalmente quindi sui meridiani afferenti a questi organi che si esplica l’azione dell’agopuntura a questa età.

Inoltre non tutti  sanno che la lunghezza reale di una seduta in questi casi è solo una frazione rispetto alla visita di un adulto, con una durata compresa più precisamente tra i 15 e i 30 minuti.
Quando gli aghi sono utilizzati con i bambini (e talvolta anche su adolescenti) raramente si assiste a una ritenzione dell’ago: questi vengono inseriti e tolti molto velocemente, mentre con gli adulti vengono spesso lasciati nella pelle per 25-45 minuti.
Semplice precauzione o scelta consapevole? Decisamente la seconda: la ragione di tale differenza di tempo del trattamento è dovuta alla relativa facilità di accesso al qi o energia essenziale dei pazienti più piccoli; a differenza degli adulti che hanno alle spalle un’intera vita di residui energetici, i bambini sono ancora puliti e reagiscono rapidamente e facilmente a semplici stimoli. In particolare nei primi anni di vita, l’assenza di condizionamenti emotivi particolari, stati d’animo invasivi e che possano fungere da barriera al giusto fluire dell’energia, che caratterizzano invece il soggetto adulto, sono la prima carta vincente per raggiungere un risultato in breve tempo.

Lo stesso principio vale per le altre tecniche della medicina cinese con la funzione di integrare l’agopuntura: dai trattamenti di digitopressione, che non necessitano di una pressione di durata superiore ai 2-3 minuti per punto, al massaggio tuina, che nel caso di neonati può essere perfino eseguito dai genitori stessi in casi di emergenza

Agopuntura nell'età dell'infanzia_I principali benefici sui vostri figli

I principali benefici sui vostri figli

Ma quali sono gli effetti più significativi che una coppia di genitori può immediatamente verificare?

Abbiamo stilato per voi una lista degli 8 più importanti, alcuni dei quali forse inaspettati ma addirittura più decisivi per la aiutare i vostri piccoli ben oltre la singola patologia.

  1. Trattare allergie stagionali, asma, sinusite cronica.
    Dinanzi a questi disturbi è inutile caricare i bambini con farmaci forti, invasivi e poco utili a ristabilire un equilibrio energetico duraturo. Se tuttavia la loro somministrazione è inevitabile, l’agopuntura può essere il trattamento aggiuntivo ideale per mantenere il  dosaggio del farmaco più basso possibile.
  1. Aumentare le difese immunitarie
    L’agopuntura può essere più efficace nel rinforzare la risposta immunitaria dei nostri figli e prevenire raffreddori, influenze e le altre numerose malattie tipiche dell’infanzia e della crescita.
  1. Favorire una digestione sana
    Stipsi o movimenti intestinali irregolari, crampi allo stomaco, gas, allergie alimentari: l’agopuntura può essere uno strumento molto utile per aiutare il sistema digestivo ad autoregolarsi meglio, per ridurre al minimo i sintomi e per aumentare la capacità del corpo di assorbire efficacemente le sostanze nutritive.
  1. Interrompere il dolore
    L’agopuntura è la terapia più adeguata per la cura di lesioni muscolo-scheletriche acute o croniche, così come per la gestione del dolore derivato da condizioni come l’artrite giovanile, malattia di Lyme, fibromialgia. Possiamo anche usare l’agopuntura per ridurre efficacemente i sintomi di mal di testa, emicrania, dolore del seno, mal di denti, e mal di schiena nei bambini.
  1. Ridurre lo stress e l’ansia
    Si stima che il 15-20% degli individui negli Stati Uniti sperimenti una forma di ansia (disturbo d’ansia generalizzato, ansia sociale, ansia da separazione, disturbo post-traumatico da stress, ecc) durante l’infanzia o l’adolescenza. Benché in una percentuale probabilmente più ridotta, il problema è purtroppo presente anche nel nostro paese, dove fin da bambini si è spesso sopraffatti da un mondo sempre più affollato ed esigente, sia in campo scolastico, sociale e soprattutto familiare. L’agopuntura può aiutare ad alleviare i sintomi di stress e impedire il consolidamento di cattive abitudini dure a morire negli anni successivi.
  1. Aiutare a connettersi con il proprio corpo.
    Non si può negare che l’agopuntura insegni a conoscere il proprio corpo in un modo sano, non competitivo, e riconoscente. Poiché permette di sperimentare le sensazioni corporee in un’ottica assolutamente positiva. Purtroppo, nella nostra società, il modo in cui la maggior parte dei bambini  impara a “connettersi” con la fisicità che li rende unici è quello di padroneggiare fisicamente le debolezze. Consideriamo ad esempio gli sport competitivi: essi trasmettono sì valori fondamentali come la dedizione, l’unità, la resistenza, l’importanza del duro lavoro, uno stile di vita sano, ma non potranno mai arrivare a far comprendere loro la profonda e intima connessione di mente, cuore e corpo.
  1. Insegnare come rilassarsi
    Le attività che proponiamo ai nostri figli sono particolarmente focalizzate sull’essere attivi, sulla realizzazione, sulla continua tensione verso il traguardo successivo. Tuttavia, i bambini hanno bisogno di sapere come calmarsi, come rallentare, come liberare la loro mente e lasciarsi andare nel corpo. L’agopuntura offre una splendida opportunità per loro di scoprire come raggiungere un luogo di relax dentro di sé e fornisce loro competenze preziose che potranno usare più tardi nella vita di fronte a stress o difficoltà.
  1. Esporsi a nuovi modi di comprensione
    Ogni genitore che sceglie una terapia fondata sull’agopuntura comunica ai propri figli la propria fiducia verso sistemi di guarigione alternativi a quelli tradizionali e verso altri modi di intendere se stessi, il corpo,  il mondo che ci circonda.  Sviluppare fin dalla tenera età un’apertura verso visioni della realtà molteplici, permetterà loro di affrontare la vita con una mente e un cuore aperti, il massimo risultato che si possa augurare loro di ottenere.

Come avete scoperto con noi le motivazioni favorevoli sono davvero molto e solide: perché dunque non verificare voi stessi prenotando un consulto presso il nostro studio? Riusciremo a mettere perfettamente a proprio agio i vostri figli fin dall’inizio e far scomparire tutti i vostri timori!

Lascia un commento