Coltiva l’anima e il corpo con la pratica del Qi Gong

La medicina cinese è un sistema antico e molto complesso di conoscenze e come tale può fornire un validissimo contributo al sapere scientifico occidentale, laddove questo risulti insufficiente o inadeguato a rispondere alle esigenze di un paziente. Al suo interno coesistono diverse pratiche terapeutiche destinate alla diagnosi e molto efficaci a scopo curativo, poiché in grado di ristabilire l’equilibrio energetico perso all’origine della patologia: tra queste, prima ancora della farmacologia, della ginnastica medica e dei massaggi, è l’agopuntura ad essersi dimostrata essenziale ad ogni livello del nostro organismo, dall’apparato respiratorio a quello cardiovascolare, ormonale e molto altro ancora.

Sorge però spontanea una domanda: quali pratiche dobbiamo seguire se invece desideriamo agire in senso preventivo? Anche in questo caso le possibilità offerte dalla medicina cinese sono molteplici e possono dipendere dalle inclinazioni del singolo, ma senza dubbio un’ottima scelta può essere cominciare a dedicarsi al Qi Gong. Di che cosa si tratta?

Una disciplina per la mente

Il Qi Gong è una pratica di auto-coltivazione, basata sull’esecuzione di esercizi di movimento, esercizi di respirazione e di meditazione, finalizzata al conseguimento di un completo benessere fisico, psichico e spirituale. La sua origine risale a ben 23 secoli fa, come risposta al bisogno del popolo cinese di trovare una “ricetta perfetta” per la longevità, secondo quanto afferma “Il Canone di medicina interna dell’Imperatore Giallo”, il più antico testo di medicina cinese esistente (4 sec. A.C.)

qi_gong_una_disciplina_per_la_mente_studio_shen

Il nome di questa tecnica infatti, composto dagli ideogrammi qi (energia) e gong (allenamento), indica l’abilità dell’individuo di relazionarsi consapevolmente con la propria energia vitale per proteggerla, raccoglierla, condurla nelle sue evoluzioni naturali, e più in generale per goderne nel modo migliore.

I principi alla base del Qi Gong nelle sue differenti correnti, ovvero gli aspetti che la disciplina cerca di potenziare, sono tre:

– La postura: è ciò che ci permette di mantenere materialmente un equilibrio, perciò deve essere migliorata attraverso l’azione, fisica e mentale. Questa è esercita su alcuni punti definiti i “cinque pilastri”, ovvero catene muscolari che si trovano all’interno del corpo: lo sternocleidomastoideo, il diaframma, i muscoli paravertebrali, lo psoas e i muscoli addominali.

Il respiro: è il primo strumento che utilizziamo per entrare in contatto con il macrocosmo esterno a noi, perciò è indispensabile educarlo.

La consapevolezza, definita ‘Yi’: è ciò che dà invece “l’intenzione”, ovvero lo scopo che si intende raggiungere attraverso l’allenamento. Prestandovi grande attenzione, da un lato impareremo ad ascoltare i messaggi intimi e profondi della nostra personalità, da un lato svilupperemo la capacità di delineare un programma individuale e dinamico efficace di conservazione della salute, dall’altro, su un piano più generale, acquisiremo maggiore sicurezza delle solide fondamenta della nostra unicità.

L’idea di base del Qi Gong è d’altra parte quella che l’essere umano sia attraversato da correnti energetiche in determinati punti del corpo, chiamati meridiani. Esattamente la stessa teoria che fonda la pratica dell’agopuntura.
A differenza di quest’ultima però, che si affida a una figura esterna a noi, il Qi Gong insegna al soggetto ad agire direttamente su se stesso, a individuare cioè gli squilibri interiori secondo un processo individuale e intimo.

Una volta compreso come avvicinarsi a questa pratica e dopo aver completato il proprio percorso di formazione con un maestro esperto, sarà responsabilità del singolo ascoltarsi e comprendere ciò di cui ha più bisogno: a seconda che abbia necessità di coltivare più l’energia sostanziale della propria persona (il corpo e la postura), o più quella sottile (emozioni, sentimenti, attività di pensiero, spirito e quindi la consapevolezza) o di costruire da zero l’armonia tra le due, le procedure da seguire potranno organizzarsi in modo più o meno dinamico.
Nello specifico, ecco gli allenamenti che potreste trovarvi a eseguire:

Esercizi della quiete: eseguiti in varie posture, sono prevalentemente di tipo statico e si focalizzano su respirazione, concentrazione mentale e automassaggio;

Pratica in movimento: comprende esercizi dinamici di diversa difficoltà, noti come “esercizi dei cinque animali”, “taijiquan“, “esercizi di deambulazione”.

– Associazione di esercizi statici e dinamici.

I benefici per la salute

Come avrete capito il Qi Gong non agisce incisivamente sulle patologie ma fornisce all’individuo degli strumenti per favorire il recupero di un equilibrio interno. Le occasioni per vederne gli effetti sono numerosissime, ecco i benefici più importanti:

– migliora struttura e della postura del corpo;

– mantiene il corpo forte e flessibile anche in età avanzata;

– favorisce il rilassamento, la concentrazione della mente ed una maggiore capacità di memorizzazione;

– ci sostiene nei momenti d’ansia, depressione e stress;

– prepara il fisico alle differenti stagioni: il suo contributo può essere prezioso ad esempio per contrastare le diarree estive e la pressione bassa, le allergie primaverili o le debolezze del sistema immunitario che penalizzano in inverno;

– aiuta ad affrontare le “stagioni della vita”, come l’adolescenza o la menopausa, caratterizzate da squilibri ormonali;

– favorisce il riassetto del sistema psico-neuro-immuno-endocrino, aiutandoci a prevenire patologie tiroidee, patologie autoimmuni, diabete;

– lavora sull’apparato scheletrico tonificando i muscoli e rinforzando i tendini, i legamenti, le articolazioni ed i vasi sanguigni;

– migliora la digestione;

– previene il ristagno nello stomaco e negli intestini, evitando cosi il formarsi di ulcere, di gastroenteriti, di costipazioni e di altri disturbi addominali;

– rende più resistenti alla stanchezza ed aumenta la velocizzazione dei tempi di recupero sia fisico che psichico.
 
Cosa aspetti quindi a cimentarti in questa cura dell’anima e del corpo a 360 gradi? Se anche tu stavi cercando un metodo naturale per coccolarti e diventare più forte allo stesso tempo, questa potrebbe essere la strada giusta per te!

 

Lascia un commento