Cos’è La Medicina Cinese

La medicina cinese è certamente la più antica fra le medicine tradizionali ed l’espressione armoniosa e completa dello spirito e della cultura secolare da cui nasce.

Cos’è la medicina cinese?

E’ un sistema di conoscenze filosofiche e terapeutiche che unisce una visione del cosmo basata su corrispondenze e analogie a una pratica articolata in una serie di tecniche specifiche: l’agopuntura, la farmacologia cinese, il massaggio tuina, la dietetica e le ginnastiche respiratorie.

Questa concezione medico filosofica è oggi diffusa in tutto il mondo, al punto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente riconosciuto l’uso di molti dei suoi metodi terapeutici, in particolare dell’agopuntura, nella cura di diverse malattie.

I principi fondamentali della medicina cinese

A livello teorico filosofico, la medicina cinese si poggia sull’idea che l’universo è una totalità articolata, in continua metamorfosi, ma gli attori di questa metamorfosi sono sempre le stesse forze, gli stessi elementi nel loro rapporto reciproco.

Si parte dall’Uno, che il pensiero cinese chiama Tao: è il principio di tutte le cose ed è rappresentato come un cerchio diviso in due metà opposte e complementari che suggeriscono un vortice, quindi un forte dinamismo.

Tao e medicina cinese

Tao e medicina cinese

 

Una di colore bianco con al suo interno un punto, un seme o un embrione, di colore nero, l’altra di colore nero con un punto bianco.

La prima è la forza maschile, attiva, luminosa, calda, formatrice, sottile-celeste: lo yang.

La seconda è la forza femminile, passiva-ricettiva, oscura, fredda, materiale, terrestre: lo yin.

Come suggerisce il simbolo del Tao, yang e yin sono in un rapporto di complementarità: ogni cosa è fatta di entrambi, ha un aspetto yin e un aspetto yang.

Il soffio vitale della medicina cinese: il qi

L’energia generata dal Tao (cioè dall’unione di Yin e Yang) permea tutto l’universo e ogni singola cosa.

Questa espansione viena chiamata Qi, il soffio, il ritmo vibratorio della vita, “anima del mondo”.

I cinque elementi nella medicina cinese

Cinque sono gli elementi sottili e le fasi, Wuxing, che vengono paragonati alla polarità Yin-Yang.

Si tratta di cinque archetipi o forme primordiali che collegano in una serie di corrispondenze tutti i livelli della natura:

1. il legno, a cui corrisponde il colore verde, è l’elemento della vegetazione che si rinnova a primavera (Yang);

2. il fuoco, a cui corrisponde il rosso, è l’elemento della luce e del calore e della tendenza verso l’alto, tipica dell’estate e dello (Yang);

3. la terra, a cui corrisponde il giallo, è l’elemento ricettivo che nutre e fa maturare, come accade soprattutto nella tarda estate (Yin);

4. il metallo, connesso al colore bianco, è l’elemento dell’energia che si contrae e declina, come accade in autunno (Yin);

5. l’acqua, associata al nero, è l’elemento dell’energia che scende verso il basso e si nasconde o spegne, come in inverno (Yin).

I cinque elementi si trasformano l’uno nell’altro: dal legno si sprigiona la fiamma, il fuoco, dall’azione consumante del fuoco nascono le ceneri e quindi la terra, nelle vene della terra si forma il metallo, che nella fusione si liquefa e diventa acqua, dalla quale rinasce il legno

I meridiani: l’energia della natura nel nostro corpo

L’energia dei cinque elementi viene identificata nell’anatomia cinese soprattutto nella nozione di meridiano (Jingluo): i meridiani sono infatti i canali che collegano gli organi e visceri interni del corpo umano con le parti presenti sulla superficie, e la loro importanza è particolarmente evidente in pratiche terapeutiche classiche come l’agopuntura

Si hanno 12 meridiani regolari:

1. canale polmoni-mano (collegato allo yin);

2. canale cuore-mano (yin);

3. canale pericardio-mano (yin);

4. canale “triplice riscaldatore”-mano (yang);

5. canale intestino tenue-mano (yang);

6. canale intestino crasso-mano (yang);

7. canale milza-piede (yin);

8. canale rene-piede (yin);

9. canale fegato-piede (yin);

10. canale cistifellea-piede (yang);

11. canale vescica-piede (yang);

12. canale stomaco-piede (yang).

A questi si aggiungono 8 meridiani straordinari e 15 meridiani collaterali

La malattia nella medicina cinese

La malattia secondo la medicina tradizionale cinese, coincide con un’alterazione del flusso del Qi e del sangue lungo i canali dei meridiani e le zone in cui si manifestano i sintomi possono indicare, grazie ai collegamenti tra gli organi interni e le aree superficiali, la natura profonda della patologia in corso.

Lascia un commento