Cos’è l’Agopuntura

L’Agopuntura è un antichissima tecnica terapeutica di medicina cinese che consiste nell’infissione di aghi sterili e monouso nei tessuti con lo scopo di creare un beneficio.

Agisce attivando numerosi meccanismi nervosi e bioumorali (endorfine, serotonina, ormoni) per riequilibrare quelle funzioni alterate dell’organismo che stanno alla base della malattia.

Contrariamente all’opinione comunemente più diffusa e cioè che l’agopuntura sia utilizzata solo per il trattamento del dolore, proprio in virtù della sua azione su tutti i sistemi regolatori dell’organismo, l’agopuntura ha un effetto terapeutico su molte patologie sia acute che croniche.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha effettuato un’analisi dettagliata delle sperimentazioni scientifiche riguardo l’agopuntura valutandone l’attendibilità, al fine di promuovere l’uso appropriato dell’agopuntura in tutti gli Stati membri.

punti-di-agopuntura-meridiani-del-corpo-per-capire-stuio-shen-empoliLe conclusioni sono che le patologie, i sintomi e le condizioni per i quali l’agopuntura è stata dimostrata efficace sono i seguenti:

Patologie osteo-articolari e reumatologiche
  • Artrosi della colonna vertebrale, discopatie ed ernie discali cervicali e lombari (escluse quelle “paralizzanti”, o con seri danni della radice motoria), cervico-brachialgie, lombalgie, lombosciatalgia, lombocruralgia, spondilolistesi, crolli dei corpi vertebrali da osteoporosi (trattamento del dolore), artrosi dell’articolazione temporo-mandibolare, periartite scapolo-omerale, epicondilite, rizartrosi del pollice, artralgie della mano, sindrome del tunnel carpale (fase iniziale), algie dell’art. sacro-iliaca, periartrite dell’anca, coxartrosi, gonartrosi, talalgia plantare, metatarsalgie, contratture muscolari distrettuali, tendiniti, sindrome fibromialgica, distorsioni articolari.
Patologie neurologiche
  • Cefalea vascolare (emicrania), cefalea tensiva, cefalea “a grappolo” (di Horton), nevralgia essenziale del trigemino, nevralgia di Arnold, paralisi del n. facciale “a frigore”, blefarospasmo, paresi e paralisi degli arti (esiti di ictus o post-traumatici), polinevriti, nella riabilitazione neurologica post-ictus, Herpes Zoster.
Patologie ostetrico-ginecologiche
  • Irregolarità del ciclo e del flusso mestruale, amenorrea, dismenorrea, sindrome premestruale, sindrome climaterica, infertilità, supporto alla procreazione medicalmente assistita (FIVET), leucorrea ed infezioni genito-urinarie recidivanti.
  • Nausea e vomito in gravidanza, presentazione podalica del feto (tra la 32a e la 34a settimana), induzione del parto nella gravidanza oltre il termine, analgesia e potenziamento della dinamica uterina nel corso del parto. Ipogalattia (scarsa quantità di latte durante l’allattamento).
Patologie andrologiche:
  • Impotenza, eiaculazione precoce, astenospermia e oligospermia (alterazioni del liquido seminale dell’uomo).
Patologie dermatologiche:
  • Acne, dermatiti.

 

 

 

– Patologie urologiche:

Vescica instabile, cistiti recidivanti, disuria, enuresi notturna, incontinenza urinaria.

 

 

 

– Patologie cardiocircolatorie:

Nevrosi cardiaca, palpitazioni, aritmia, ipertensione (in particolare l’agopuntura è indicata quando nonstante l’assunzione di farmaci antiipertensivi la pressione arteriosa non è ben controllata).

 

 

 

– Patologie gastroenterologiche:

Gastrite, spasmo esofageo, ernia hiatale, nausea e vomito mattutini, epigastralgie funzionali, dispepsia, stipsi, alvo alternante, colon irritabile, tenesmo, crisi emorroidarie.

 

 

 

– Patologie pneumologiche:

Asma, tosse.

 

 

 

– Patologie otorinolaringoiatriche:

Sinusite, rinite vasomotoria, faringite cronica, disfonia, vertigini, anosmia.

 

 

 

– Manifestazioni allergiche:

Oculorinite ed asma allergiche, orticaria, dermatite allergica, rash cutanei.

 

 

 

– Patologie psichiatriche:

Stati d’ansia, forme depressive minori, attacchi di panico, insonnia.

 

 

 

–  Patologie odontoiatriche:

Odontalgia, analgesia per estrazione dentale.

 

 

 

– Tabagismo:

Riduce la sindrome da astinenza dalla nicotina.

 

In tutte le patologie sopra indicate l’agopuntura può essere utilizzata da sola o in associazione al consueto trattamento medico-farmacologico. I risultati possono essere a volte risolutivi ed altri solamente parziali o deludenti, come del resto per qualsiasi terapia.

 

La scelta di rivolgersi ad un trattamento con agopuntura non deve essere “ideologica”, ma deve fondare le sue motivazioni sui principi dell’efficacia e della non tossicità che ha l’agopuntura.

 

L’agopuntura dà la possibilità di non utilizzare i farmaci o ridurne il dosaggio quando questi non possono essere completamente eliminati. Questo significa eliminare o ridurre gli effetti collaterali e la tossicità dei farmaci. Quindi qualora ve ne siano le indicazioni il trattamento con agopuntura dovrebbe rappresentare la prima scelta di terapia, in particolare in alcune circostanze quali ad es. la gravidanza, oppure in patologie quali la cefalea cronica dove l’abuso di analgesici è frequente ed è causa di cronicizzazione del dolore.

 

Per quanto qualunque intervento terapeutico, anche di tipo farmacologico, ha un effetto maggiore se il paziente è motivato e ha un buon rapporto con il proprio medico, l’effetto dell’agopuntura non è dovuto a suggestione. Ad oggi sono circa 10.000 i lavori sperimentali e scientifici pubblicati e presenti nella banca dati di Medline http://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez, la più accreditata nel mondo occidentale, che testimoniano gli effetti terapeutici ed i meccanismi d’azione dell’agopuntura. Quindi non è vero che non esistono prove scientifiche che attestino e giustifichino l’efficacia e l’utilizzo dell’agopuntura.

 

Infine è da ricordare che l’agopuntura è utilizzata da 2000 anni anche in campo veterinario.

 

In Italia possono praticare l’agopuntura solo medici e veterinari laureati, poiché la si considera un atto eminentemente medico: «l’Agopuntura, la Fitoterapia e l’Omeopatia costituiscono atto sanitario e sono oggetto di attività riservata perché di esclusiva competenza e responsabilità professionale del medico chirurgo, dell’odontoiatra professionale, del medico veterinario e dei farmacista, ciascuno per le rispettive competenze».[49] Chi la pratica senza questo requisito commette un atto illegale, punibile penalmente (sentenza della Corte di Cassazione, 1982).

L’agopuntura è una tecnica poco invasiva. Effetti collaterali avversi dell’agopuntura sono estremamente ridotti e sicuramente minori dei trattamenti convenzionali».[81] C’è accordo generale sul fatto che l’agopuntura sia sicura se somministrata da operatori qualificati utilizzando aghi sterili[50][82][83][84] e che essa presenti un rischio molto basso di gravi effetti collaterali.

La stragrande maggioranza degli eventi avversi da agopuntura sono eventi minori sanguinamento, ematoma e dolore da puntura.

 

Gli eventi avversi gravi sono estremamente rari, nell’ordine di 5 casi su 1 milione[85] e sono di solito provocati da agopuntori scarsamente addestrati o senza licenza.

Lascia un commento